CONSEGNA GRATUITA Per ordini superiori a 60€ solo Italia

News

Ritrovare il benessere

Rosa canina: azione antiossidante e antinvecchiamento

Pubblicato il: 10/04/2019

Rosa canina: azione antiossidante e antinvecchiamento

 

La Rosa Canina è il “falso frutto” o “pseudo frutto” di una varietà molto comune di rosa. Benché molto aspro, una volta maturo il frutto di color rosso arancione è commestibile e la sua composizione biologica vanta fitonutrienti in lodevoli quantità; la notorietà principale deriva dal sul suo elevato contenuto di Vitamina C ma al di là di questo aspetto importante, è bene sapere che la rosa canina eccelle per il suo contenuto di acidi grassi, oltre a Flavonoidi, Licopene e Vitamina E.

Considerata l’antenata della maggior parte delle rose coltivate oggigiorno in tutto il mondo, la Rosa Canina è una pianta spontanea appartenente alla famiglia delle Rosacee, fiorisce in estate mentre i suoi prodigiosi frutti possono essere raccolti in tardo autunno. Con le sembianze di bacche selvatiche, tra il rosso e l’arancio, i frutti appaiono dopo la fioritura e nonostante il sapore aspro possono essere raccolti per poi essere consumati sotto forma di integratori, tisane, polvere e olio essenziale. Nel caso della polvere, noi vi consigliamo l’assunzione giornaliera di cucchiaini sciolti in una tazza di acqua bollente, dolcificata con miele naturale diventa una piacevole bevanda tonificante.

 

Un po’ di storia

Le prime narrazioni ci arrivano ancora una volta da Plinio il Vecchio, che nelle sue corniche della natura ci racconta di come il frutto della Rosa Canina avesse curato un malcapitato colpito dalla rabbia: di qui si dice ne derivi il nome, Rosa Canina.

Utilizzata in Gran Bretagna durante la seconda guerra mondiale, fu di grande aiuto quando le importazioni di agrumi divennero limitate e il rischio di scorbuto imminente. Il Ministero della salute dell’epoca fece quindi produrre enormi quantità di sciroppo da distribuire alla popolazione malnutrita, in particolare ai bambini. Un efficace rimedio d’urgenza che fu possibile grazie al contributo di numerosi volontari impegnati nella raccolta straordinaria del frutto che cresceva spontaneo sulle siepi un po’ in tutto il paese[1].

 

Composizione per circa di prodotto 30g[2] 

vitamina C (199 % RDA) 119 mg

vitamina A (24 % RDA) 1217 mg

manganese (14% RDA) 0.3 mg

vitamina K (9% RDA) 7.3 microgrammi

vitamina E (8% RDA) 1.6 mg

calcio (5% RDA) 47.3 mg

magnesio (5% RDA) 19.3 mg

potassio (3 % RDA) 120 mg

 

Fenomenali Proprietà Accertate

Sono molte le specie di rosacee che producono dei frutti o falsi frutti edibili ma è la varietà Rugosa ad essere particolarmente famosa per la sua produzione di Rosa Canina. L’applicazione medicinale di questa pianta ha radici antiche legate al folklore e alle tradizioni popolari, negli anni è però cresciuto l’interesse scientifico che ne ha poi dimostrate le doti botaniche, accertando la presenza di flavonoidi, carotenoidi, acidi grassi essenziali vitamine (soprattutto vitamina C) proprietà antiossidanti e agenti anti-infiammatori.

 

1 Azione Antiossidante e Antinvecchiamento

Nella tradizione Europea la Rosa Canina è da sempre sinonimo di Vitamina C naturale, presente in numerosi complessi multi vitaminici è anche spesso consigliata nella stagione invernale per stimolare le difese dell’organismo, scongiurando malanni e raffreddori.

Contrariamente agli integratori sintetici presenti in commercio, gli integratori a base di Rosa Canina contengono in modo assolutamente naturale elevate quantità di Vitamina C altamente assimilabile dall’organismo umano. Grazie alla Rosa Canina è possibile limitarne i danni causati da stress ossidativo e radicali liberi, frutto sia della normale respirazione cellulare sia di cattive abitudini alimentari, inquinamento, stress fisico ed emotivo.

Una varietà di fitonutrienti, uniti alla Vitamina C, si somma alle virtù della Rosa Canina, in particolare flavonoidi e carotenoidi cui benefici per la salute umana sono oggetto di studio da decenni.

La Rosa Canina è considerata un tonico naturale, che stimola il metabolismo e ottimizza l’attività sportiva e, forse chissà, anche l’energia sessuale; ma non è tutto! diversi Acidi Grassi Essenziali sono abbondantemente presenti nel frutto, tra loro l’acido linoleico, acido α-linolenico (principalmente presente nei semi) sono conosciuti per le loro proprietà antinfiammatorie.

 

2 Sistema Immunitario

Il contenuto di Vitamina C nella Rosa Canina è notevole, 119 mg per soli 30g di prodotto, infinitamente di più rispetto agli agrumi, ne bastano due cucchiaini al giorno per dare sostegno al sistema immunitario.

È straordinario constatare come la natura ci fornisca ciò di cui abbiamo bisogno proprio nel momento in cui ne abbiamo bisogno: i frutti della rosa canina infatti, diventano disponibili proprio in autunno, quando il nostro sistema immunitario ha bisogno di essere sostenuto e protetto. E’ in questa stagione, quando il freddo si fa sentire, che proliferano batteri e virus influenzali, contro i quali la Vitamina C ha dimostrato, attraverso molti studi scientifici, efficacia davvero assoluta.

 

3 Combatte artrite e dolori articolari

Recenti ricerche stanno dimostrando gli effetti benefici della Vit C contro le infiammazioni, particolarmente pertinente è uno studio[3] effettuato dal Dipartimento di Biochimica-Clinica del County Hospital di Copenhagen nel 2005, che coinvolse 94 pazienti affetti da osteo-artitite. Alla metà dei pazienti furono somministrati durante tre mesi, 5g di rimedio erboristico a base di Rosa Canina, mentre al resto del gruppo fu somministrato un rimedio placebo per so stesso periodo di tempo. I dati furono raccolti attraverso un metodo basato sulla scala del dolore; Il risultato si dimostrò sorprendente già a partire dalla terza settimana quando i pazienti sottoposti al rimedio a base di Rosa Canina mostrarono notevoli miglioramenti in termini di dolore, scioltezza e generale mobilità.

La Rosa Canina sembrerebbe poter alleviare il dolore articolare grazie ai suoi effetti immunosoppressivi[4]; accade spesso che l’eccessiva risposta infiammatoria (classica delle le malattie auto-immuni) dovuta alla costante stimolazione del sistema immunitario, degeneri in disturbi reumatici. Si è potuto dimostrare che i principi attivi delle rosa canina agiscano all’interno della cellula bloccando l’attivazione delle proteine che danneggiano i tessuti articolati durante gli attacchi infiammatori. Un addizionale potere anti-infiammatori di questo falso frutto sembrerebbe essere la sua capacità di ridurre la chemiotassi, che consiste nel movimento dei leucociti verso i tessuti infiammati: Una possibile doppia azione quindi, anti infiammatoria ed immunosoppressiva

 

Effetti Collaterali

 Possibili effetti collaterali da segnalare:[5] Come tutti i rimedi naturali, anche la rosa canina deve essere assunta con moderazione e cautela, particolarmente nei soggetti sottoposti a terapie farmacologiche, per evitare interazioni ed effetti collaterali.

Generalmente la rosa canina è ben tollerata ma è bene notare che i cinorrodi, pseudo frutti delle diverse specie di rose possono, in soggetti a rischio, causare disturbi quali nausea, crampi allo stomaco, diarrea, bruciore addominale, cefalee e insonnia.

I cinorrodi sono generalmente sconsigliati in casi di: gravidanza/ allattamento, disordini del sistema sanguigno (emofilia o anemia falciforme; disturbi legati alla metabolizzazione del ferro) e in casi di calcoli renali. La rosa canina contiene inoltre Rugosin E che potrebbe favorire la coagulazione del sangue, non è consigliata quindi in caso di disturbi del sistema cardio circolatorio.

In fine, è bene sapere che la Rosa Canina potrebbe interferire con: aspirina, salicilato di magnesio e farmaci anti infiammatori non steroidici; fluidificanti del sangue, alluminio (presente nella maggior parte degli antiacidi); farmaci antidepressivi come il litio, e farmaci a base di estrogeni

 

 

FONTI

https://draxe.com/rose-hips/

https://www.webmd.com/vitamins/ai/ingredientmono-839/rose-hip

https://pss.uvm.edu/ppp/articles/rosehips.html

https://examine.com/supplements/rose-hip/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16195164

http://www.herbaleducation.net/rose-hips

https://www.dovepress.com/bioactive-ingredients-of-rose-hips-rosa-canina-l-with-special-referenc-peer-reviewed-fulltext-article-BTAT#r_ref17

https://www.everydayhealth.com/drugs/rose-hips

https://www.webmd.com/vitamins/ai/ingredientmono-839/rose-hip

 


[1] https://pss.uvm.edu/ppp/articles/rosehips.html

[2] https://nutritiondata.self.com/facts/ethnic-foods/10470/2

[3] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16195164

[5] https://www.webmd.com/vitamins/ai/ingredientmono-839/rose-hip

Torna alle News